Fiori di Bach

rose

Edward Bach

Edward Bach nacque il 24 settembre 1886 a Moseley in Inghilterra. Durante la sua adolescenza lavorò nella fonderia del padre ma nel 1912 realizza il suo sogno e si laurea in Medicina. Svolgeva il suo lavoro con grande professionalità ma anche con moltissima passione e osservava come le terapie tradizionali arrecassero grandi dolori e sofferenze ai suoi pazienti. Così si avvicinò all’omeopatia e cominciò ad analizzare i sintomi mentali.

Dopo la morte della moglie gli fu diagnosticato un tumore e tutto questo rese i suoi studi ancor più tenaci, egli voleva trovare dei rimedi che curassero dolcemente il paziente armonizzando l’intera sua persona. Dopo intensi mesi di studi si accorse di essere guarito e fu allora che cominciò a domandarsi quanto lo stato d’animo sia fondamentale per la guarigione. Preparò dei rimedi trovando riscontri terapeutici molto buoni, rimedi che avevano la capacità di entrare in relazione e connessione con la personalità del malato. Era ormai certo dell’influenza della mente sui sintomi fisici ma i rimedi ancora non lo soddisfacevano, egli intendeva giungere a dei rimedi Puri. Si dedicò, allora, allo studio delle erbe e fu attratto in particolare dai fiori, massima ed eccelsa espressione della pianta e iniziò a sperimentare su stesso i rimedi floreali.

Lasciò il campo medico ufficiale, abbandonò fama e successo per dedicarsi interamente alla ricerca di altri rimedi floreali, ricevendo aspre critiche e da parte della classe di medici, avversa alle sue ricerche ed al suo nuovo modo di vedere la malattia e la terapia. Nonostante questo continuò per la sua strada, arrivò a sviluppare una tale sensibilità che riusciva a riconoscere le proprietà di una pianta semplicemente toccandola o assaggiandola. Alla fine delle sue ricche ricerche tra numerosissime piante sceglie 38 esemplari a crescita spontanea, i famosi Fiori di Bach. Pubblica due libri: Guarisci te stesso e I dodici guaritori ed altri rimedi, per  poi lasciare questa vita nella sua casa in Gran Bretagna  1936.

Rimedi

Egli individuò 7 stati d’animo che caratterizzano l’essere umano e in base ad essi suddivise i 38 fiori:

Ipersensibilità alle influenze e alle idee

Incertezza

Insufficiente interesse per il presente

Scoraggiamento

Eccessi

Solitudine

Paura

Bach fece un’ulteriore classificazione dei 38 fiori suddividendoli in 12 Guaritori (i primi fiori scoperti) da lui considerati come rimedi per la personalità, 7 Aiutanti e 19 assistenti. Tutti possono comunque essere utilizzati per la cura degli stati d’animo. Infine elaborò un 39esimo rimedio, il Rescue Remedy, ricavato da una miscela di ben 5 essenze pensato da Bach come rimedio d’emergenza.

  • 12 GUARITORI

Agrimony, Centaury, Chicory, Rock Rose, Gentian, Mimulus, Impatiens, Cerato, Scleranthus, Vervain, Water Violet, Clematis.

  • 7 AIUTANTI

Rock Water, Wild Oat, Heather, Gorse, Olive, Oak, Vine.

  • 19 ASSISTENTI

Holly, Honeysuckle, Hornbeam, White Chestnut, Sweet Chestnut, Red Chestnut, Beech, Chestnut Bud, Larch, Crab Apple, Cherry Plum, Walnut, Elm, Pine, Aspen, Wild Rose, Willow, Mustard, Star of Bethlehem.

Nomi fiori di bach.jpg

Prossimamente la descrizione di ciascuno di questi fiori e rimedi con l’indicazione di come prepararli, il tipo psicologico, l’utilizzo e il modo in cui ognuno di essi agisce sullo stato d’animo corrispondente.

Annunci